Pignoramenti

Boom di pignoramenti, +15,2% in un anno


E` boom di pignoramenti ed esecuzioni immobiliari. Secondo i dati raccolti nei tribunali dalle associazioni dei consumatori Adusbef e Federconsumatori, nel 2009 pignoramenti e vendite all`asta sono aumentati del 15,2% rispetto all`anno precedente, nonostante tassi di interesse bassissimi e la conseguente diminuzione dei costi dei mutui a tasso variabile.

Nel triennio 2007-2009, sempre secondo i dati raccolti dalle associazioni dei consumatori, i pignoramenti sono addirittura aumentati del 60,5%, per un totale di circa 130 mila case all`asta.

"L`insostenibile crisi economica - commenta il presidente dell`Adusbef, Elio Lannutti - porta sempre più famiglie italiane a non poter onorare le rate dei mutui, impegno sempre più gravoso che mangia il 33% del reddito, e ciò si traduce in un rischio reale di insolvenza per almeno 350 mila famiglie".

E` necessario, sostengono dunque le associazioni dei consumatori, "che il Governo, dopo il decreto salva-banche e le provvidenze per le imprese, emani anche un decreto urgente `salva-famiglie` con sgravi fiscali di almeno 1.500 euro a favore di lavoratori a reddito fisso e pensionati, o si allargherà la frattura sociale". Secondo i dati raccolti nelle sezioni Fallimentari dei principali tribunali italiani, il maggior numero di pignoramenti nel 2009 si registra a Milano (circa 2.733, con un incremento stimato del +15,5% in un anno) Roma (a quota 2.157 esecuzioni, +18,1%), e Monza (1.040 vendite all`asta, +20,2% sul 2008). fonte: Ansa.it