Notizie Aste

Che fermento! Fioccano le 'aste enologiche'


Dalla cantina appartenuta al 'padre del Sassicaia' al vigneto d'oro della valle del Prosecco: è caccia all'affare

Vini da collezione, intere cantine che sembrano miniere d’oro, ma anche vigneti pregiati e persino un tipico baglio siciliano ristrutturato e adibito a stabilimento per la produzione di marsala DOC. C’è fermento attorno al mondo del vino, tanto che fioccano le aste ‘enologiche’, appuntamenti sempre più interessanti, in grado di attrarre l’attenzione di intenditori, appassionati e non solo. Il 16 novembre prossimo, ad esempio, a Torino Bolaffi metterà in vendita la cantina appartenuta a Giacomo Tachis, per tutti il ‘papà del Sassicaia’, un professionista d’altri tempi che ha messo la sua firma, oltre che sul celebre rosso, anche su di una lunga serie di vini-icona d’Italia, dal Tignanello al Solaia fino al Turriga. A poco più di un anno dalla sua morte, con la collaborazione di Slow Food editore, la splendida ‘cantina testamento’ di Tachis verrà venduta al miglior offerente. Il catalogo è composto da 1.368 lotti, per una base d’asta di 660 mila euro. Oltre alle bottiglie di Tachis, i collezionisti potranno acquistare quelle del produttore della Borgogna Domaine Leroy e della cantina privata della Tenuta San Leonardo dei marchesi Guerrieri Gonzaga. In vendita anche 18 bottiglie di Sassicaia Tenuta San Guido, dal 1968 al 2003 (base 4.200 euro). E’ composta, invece, da 1650 bottiglie di vino pregiate, provenienti da tutta Italia e dall'estero, oltre a distillati e liquori dal mondo, la splendida cantina emiliana all’asta sul portale specializzato www.industrialdiscount.it (asta n.2177). La vendita, che riguarda decine di Franciacorta, rossi toscani e piemontesi, bianchi friulani, veneti, trentini oltre a bollicine francesi, rossi di Borgogna, brandy, cognac, whisky e rum, si chiuderà il 14 novembre. Prezzo di partenza poco più di 250mila euro. Torna in questi giorni anche l’asta per affittare il cosiddetto vigneto d’oro. Per il terzo anno il Consorzio Bosco del Montello apre l’asta per la stipula di contratto di affitto agrario per l’utilizzo del vigneto situato nel territorio comunale di Nervesa della Battaglia (Treviso). Le offerte dovranno pervenire entro le 12 del 20 novembre prossimo. Prezzo base: 225 mila euro. Per dodici mesi di affitto lo scorso anno il terreno era stato aggiudicato per 281 mila euro. E pensare che nel 2015, quando il Consorzio aveva deciso di affittarlo per un anno, aveva posto come base d’asta il prezzo di 40 mila euro. Ma il Prosecco ora vale oro e quei 20 mila metri quadri di vigneto in affitto sino al 10 novembre 2018 fanno gola. Chi invece fosse in cerca non solo del terreno agricolo ma anche di una cantina per la produzione di vino, in questo caso di Marsala DOC, può fare un’offerta sul portale www.realestatediscount.it. L’asta 192 contempla la vendita di un tipico baglio siciliano, situato ovviamente a Marsala e trasformato, grazie ad una efficace ristrutturazione, in uno stabilimento per la produzione di vino con tanto di bottaia e barricaia per l’invecchiamento, enoteca, sala degustazione e sala esposizione. In tutto bel mille metri quadri valutati 450mila euro.