Fallimento

Dopo più di 100 anni fallisce l'olificio Crespi


Azienda storica italiana impegnata non solo nella produzione dell'olio ma negli anni si è contraddistinta anche per la produzione di diverse salse. *Crespi produceva pesto, salse, e naturalmente le olive in salamoia. Contava con dodici dipendenti. La sua favola ebbe inizio nel lontano 1914, per cui ha veramente scritto la storia delle aziende di olio in Italia. Il fallimento impresa Crespi ci insegna che nessuno è stato risparmiato dalla crisi segnata dal coronavirus. L'azienda con sede a Ceriana, proprio all'ingresso della città è purtroppo l'ennesimo caso di fallimento aziende alimentari. *Ad annunciare definitivamente la dichiarazione di fallimento è stato il giudice del tribunale d'Imperia. La causa del fallimento è per inadempimenti.

Fallimento Oleificio Crespi: 100 anni di storia

La storia dell’azienda ebbe inizio nel lontano 1914. Fu a opera di Giacomo Crespi l'idea di fondare un proprio frantoio. A lui fu conferita una medaglia d'oro durante l'Esposizione Internazionale a Genova. La medaglia consacrava la massima qualità della sua produzione. Un oro giallo purissimo e finissimo. La qualità non è mai mancata in casa Crespi. Nel 1960 decisero di ampliare la gamma di prodotti offerta inserendo le olive in salamoia. Intorno all'anno 1995 iniziarono invece a produrre il loro prodotto più famoso sul mercato ovvero gli infusi di oliva. Durante il 2013 fu acquistata dal gruppo Davenia. Questa società era impegnata soprattutto sulla commercializzazione internazionale. Successivamente approdarono gli ultimi acquirenti, ovvero il gruppo Isnardi Spa.

Prima della dichiarazione di fallimento si sono avviate delle opzioni per salvare l'azienda. Si è cercato un piano per un concordato. Le speranze e le preghiere dei lavoratori e di tutta Ceriana di poter salvare dal fallimento impresa, sono state spazzate in poco tempo. I debiti purtroppo non hanno permesso nessuna via di salvataggio. Il covid ha accelerato la crisi e ha segnato un punto di non ritorno. Le organizzazioni sono state gravemente colpite dall'attuale crisi. Molte aziende stanno scomparendo a un ritmo allarmante. Si stanno mettendo a rischio i posti di lavoro e minacciando il futuro e il benessere di molte famiglie. Tutto questo è causato da diversi fattori, sia interni che esterni.

Fallimento per inadempimento: il caso dell'Oleificio Crespi

Il fallimento, o almeno una crisi finanziaria aziendale, si scatena quando il problema raggiunge il flusso di cassa. Ci possono essere una serie di ragioni per raggiungere questa situazione. La scadenza può durare diverse settimane o addirittura mesi, ma i sintomi finali sono evidenti: non ci sono più soldi per le buste paga, il pagamento ai fornitori è ritardato e gli impegni di pagamento vengono violati. È chiaro che l'applicazione di sane politiche contabili e finanziarie, nonché un'adeguata gestione del capitale e una buona dotazione di controlli interni, sono tra le tante misure preventive che un'azienda deve mettere in atto per prevenire il fallimento impresa. Tuttavia, non si può dire che non vi sia alcun rischio di crisi finanziaria in nessuna azienda.

Va detto che, in termini generali, qualsiasi fallimento aziendale finisce per essere finanziario. Come nel caso del fallimento dell'Oleificio Crespi, per inadempimento. Ad esempio, Kodak è un noto caso di errori strategici che hanno portato a una debacle finanziaria e operativa. Oppure, per General Motors, per la quale la mancanza di lungimiranza sulla crisi mondiale del 2009 ha significato bancarotta. Alla bancarotta ebbe seguito l'azione del governo degli stati Uniti che diventarono il principale azionista. Quello fu un piano di salvataggio in stile latinoamericano. Lo stesso è accaduto con Citibank e alcune altre società. Tuttavia, ci sono anche fallimenti finanziari "puri", in cui decisioni o strategie sbagliate nella gestione del flusso di cassa o dell'onere del debito sono direttamente responsabili del problema.

Quali sono le principali cause del fallimento di un'azienda?

Vediamo insieme quali sono i fattori che condizionano il fallimento delle aziende nella maggior parte dei casi, così da capire meglio cosa sia successo durante il fallimento di un'azienda storica come quella di Crespi. Partiamo dai fattori interni. Il primo problema è quando un'azienda cresce tanto senza avere una riserva di cassa. Molte volte capita che le aziende inizino a crescere e a espandersi e che il successo possa rendere le decisioni offuscate e non fare previsioni per il futuro. Senza un'adeguata riserva di risorse, affrontare una grave crisi può far crollare l'intera organizzazione. Come è accaduto proprio durante la pandemia da coronavirus. Molte aziende si sono lasciate trovare impreparate ad affrontare i cambiamenti.

Un altro fattore decisivo che può condizionare il fallimento impresa è avere un debito elevato. Un problema comune nel fallimento di un'azienda è assumere una sfida molto grande per le dimensioni e le risorse disponibili. Il desiderio di affrontare sfide che vanno oltre la propria capacità operativa potrebbe portare a non conformità nei tempi di consegna e altri problemi correlati. Per questo motivo è consigliabile una crescita lenta ma sicura, che permetta di avere esperienza e strumenti per aumentare i carichi. Il terzo fattore interno è rappresentato dal dare risposte corrette a domande sbagliate. La mancata formulazione di una diagnosi accurata può portare a un lavoro errato durante la progettazione e lo sviluppo di soluzioni per l'azienda, deviando risorse preziose verso soluzioni non necessarie.

Quali sono i fattori interni che condizionano il fallimento?

Progettare aziende e prodotti per mercati volatili o piccoli. Avviare un'attività per un mercato volatile può sembrare una buona opportunità all'inizio. Ma la realtà è che il suo successo non è soggetto a ciò che l'azienda può fare e rappresenta un rischio elevato. Questo perché, se le condizioni esterne non sono favorevoli, le aziende potrebbero essere irrimediabilmente destinate al fallimento. Un caso è quello avvenuto in Messico. Degli investimenti in derivati ??da parte di società messicane quando è scoppiata la crisi globale nel 2009. La combinazione di un'ampia offerta di questi prodotti finanziari con una certa “garanzia” di buoni rendimenti. Trasformato in un disastro quando i venti hanno girato nella direzione sbagliata.

Quali sono i fattori esterni di fallimento impresa?

Sono quelli che non dipendono dall'imprenditore. I fattori esterni sono governati dalla natura, dalla politica o, in alcuni casi, dai prezzi internazionali, che possono spezzare la catena del valore. Ad esempio, il prezzo della benzina o dell'oro è regolato da agenti esterni all'organizzazione, quindi non c'è controllo al momento della caduta internazionale del loro valore. Un altro esempio attuale è l'impatto prodotto da COVID-19 che ha influenzato l'economia di molti settori, ma a sua volta ne ha favorito altri. Altri fattori esterni comuni sono: iperinflazione, terrorismo, guerre e disastri naturali. Tutti questi elementi hanno contribuito all'aggravarsi di una situazione già delicata, quella di una grande crisi finanziaria e indebitamento dell'Oleificio Crespi.