Notizie Aste

Truffa immobiliare a Roma


I carabinieri di Frascati, in provincia di Roma, hanno smascherato una truffa del settore immobiliare che aveva coinvolto diversi cittadini della capitale e delle zone limitrofe.

Dopo un’indagine durata all’incirca un anno, sono stati denunciati per truffa aggravata e falso quattro uomini tra i 48 e i 64 anni, tutti del frusinate, e una donna romana di 47 anni. Il gruppo, ben organizzato, si presentava come un team di intermediari immobiliari e offriva l’allettante possibilità di investire con successo nelle aste giudiziarie.

I cinque si avvalevano della collaborazione di alcuni complici, che vestivano i panni di curatori fallimentari, avvocati e agenti immobiliari. Una vera e propria organizzazione che coinvolgeva persone insospettabili.

Ai malcapitati venivano mostrati anche documenti del Tribunale di Roma, ovviamente opportunamente falsificati.

A denunciare i raggiri è stata proprio una delle vittime, un insegnante elementare calabrese, insospettita perché, nonostante il versamento di ingenti somme di denaro, non aveva mai avuto la possibilità di visionare di persona l’immobile che gli era stato promesso. Convintosi ad esporre querela, ha scoperto ben presto di essere vittima di un raggiro ben organizzato.

Le indagini del Nucleo Operativo del Gruppo di Frascati si sono indirizzate in primo luogo su una donna romana, che aveva versato diversi assegni a favore di uno dei truffatori. La donna convocata ha dunque realizzato la situazione ed ha esposto a sua volta querela.

Gradualmente è emersa una lunga lista di truffati. In alcuni casi, per assicurarsi la fiducia delle donne malcapitate, i quattro della banda fingevano anche un interesse sentimentale nei loro confronti.

I carabinieri hanno stimato un guadagno annuo di quasi 1 milione di euro. Molte le vittime cadute nella rete dei truffatori, agganciate tramite conoscenze in comune o con inserzioni sui giornali.