Notizie Fallimenti

Paesi a rischio default: quali sono


Prima del vertice del G20, il capo del Fmi, Kristalina Georgieva, ha messo in guardia sulla crisi del debito che potrebbe esplodere a livello globale nei prossimi mesi di fronte al complicato scenario derivante dall'invasione russa dell'Ucraina e dalla crisi climatica, insieme alla pandemia e alla crisi materie prime. E i timori di un collasso economico si stanno acuendo in un momento di mercati scossi dall'incertezza. In questo contesto, un'indagine dell'agenzia Reuters si è concentrata sull'evidenza dei tradizionali segnali di crisi del debito: il crollo delle valute locali, gli spread obbligazionari di 1.000 punti base e la scomparsa delle riserve valutarie. La situazione, secondo il rapporto, presenta "un numero record di Paesi in via di sviluppo che ora sono in difficoltà e a rischio default". Nello specifico conta cinque nazioni a rischio default: Libano, Sri Lanka, Russia, Suriname e Zambia. Mette la Bielorussia "sull'orlo" e almeno altri dieci "in una zona pericolosa", dove l'Argentina appare come una delle più esposte. Il lavoro, firmato da Marc Jones, sottolinea che su spread obbligazionari di 1.000 punti base come soglia, gli analisti calcolano che ci sono 400 miliardi di dollari di debito a rischio.

Argentina e default: quali sono le quote"L'Argentina è il Paese più esposto con 150 miliardi di dollari", afferma il rapporto, seguito da Ecuador ed Egitto, con una cifra compresa tra 40 e 45 miliardi di dollari d' indebitamento". Il rapporto Reuters afferma inoltre che l'Argentina è "il Paese con il record mondiale d'insolvenza del debito sovrano" e che questa differenza potrebbe essere ampliata. In questo senso, elenca che "il peso è ora scambiato con uno sconto di quasi il 50% nel mercato informale (blu), le riserve sono criticamente basse e le obbligazioni sono scambiate a soli 20 centesimi sul dollaro, meno della metà dopo la ristrutturazione del debito del Paese nel 2020. L'incertezza economica si registra in un momento in cui la tensione sui cambi è in aumento, con i dollari paralleli quasi del 130% sopra il prezzo ufficiale, le obbligazioni in dollari sono al minimo tra due anni e l'indebitamento in pesos ha richiesto il salvataggio della BCRA per rompere il trend negativo dell'ultimo mese.

Quali altri Paesi corrono rischi d'insolvenzaOltre all'Argentina, il lavoro dell'agenzia internazionale segnala altre nazioni con problemi e pericoli d'insolvenza sui loro debiti esteri. Ecco l'elenco dei Paesi: Ucraina: a causa dell'invasione russa, il Paese dovrà quasi sicuramente ristrutturare i suoi oltre 20 miliardi di dollari di debiti. Kiev ha richiesto, tramite la società statale ucraina Naftogaz, congelamento dei debiti per due anni per un pagamento di 1,2 miliardi di dollari per settembre. Trattandosi di una cifra contenuta, gli investitori ritengono che le casse dello stato versino in condizioni disastrose. Tunisia: in Africa ci sono diversi Paesi che si rivolgono al Fmi, ma la Tunisia sembra essere uno dei più a rischio. Con un disavanzo di bilancio vicino al 10%, uno dei salari più alti al mondo del settore pubblico, la Tunisia offre davvero poche garanzie sulla solvibilità di un debito con il FMI, anche a causa delle pressioni dell'attuale presidente nel mantenere il controllo del potere. Egitto: ha un rapporto debito/PIL vicino al 95% e quest'anno ha subito uno dei più grandi esodi internazionali di liquidità: circa 11 miliardi di dollari, secondo JPMorgan. Questo Paese deve far fronte a $ 100 miliardi di debito nei prossimi cinque anni. Il Cairo ha svalutato la sterlina del 15% e ha chiesto aiuto al Fondo Monetario Internazionale lo scorso marzo, ma lo spread obbligazionario ora supera i 1.200 punti base e gli swap di credit default (CDS) sono quotati con una probabilità d'insolvenza che tocca il 55%. Kenya: destina circa il 30% del reddito al pagamento degli interessi. Attualmente non ha accesso al mercato dei capitali e le sue obbligazioni sono state svalutate del 50%, un problema prima che un'obbligazione da due miliardi di dollari scada nel 2024. El Salvador: L'adozione di Bitcoin come moneta a corso legale ha chiuso le porte al FMI. La fiducia è scesa al punto che un'obbligazione da 800 milioni di dollari con scadenza in sei mesi viene scambiata con uno sconto del 30% e quelle a più lunga scadenza con uno sconto del 70%. Pakistan – Chiuso un accordo cruciale con il Fondo Monetario Internazionale. L'anticipo non potrebbe essere più tempestivo, dal momento che i prezzi elevati delle importazioni di energia hanno portato il Paese sull'orlo di una crisi dei pagamenti. Le riserve valutarie della nazione sono scese ad appena 9,8 miliardi di dollari, sufficienti per solamente cinque settimane d'importazioni. La rupia pachistana non è mai stata così debole. Il nuovo governo dovrà ridurre rapidamente la spesa poiché spende il 40% del suo reddito per pagare gli interessi Ecuador: è caduto in default solo due anni fa, ma è tornato in crisi a causa delle violente proteste e del tentativo di rovesciare il presidente Guillermo Lasso. Ha molti debiti e, con il governo che sovvenziona carburante e cibo, JPMorgan ha aumentato il suo deficit fiscale del settore pubblico previsto al due,4% del PIL quest'anno e al 2,1% il prossimo. Gli spread obbligazionari hanno superato i 1.500 punti base.


News correlate