Notizie Fallimenti

Cosa fa il curatore fallimentare?


Il curatore fallimentare è una figura nominata da un giudice delegato la cui funzione principale è la gestione e l'amministrazione di una situazione fallimentare di una persona singolarmente o di una società. La sua è una formazione dovuta da un'esperienza legale o finanziaria. La sua nomina e le sue funzioni sono regolamentate dalla legge fallimentare italiana. Il suo lavoro si sviluppa sempre sotto l'attenta vigilanza del giudice delegato e del comitato dei creditori. Il suo obiettivo principalmente è quello di massimizzare la risoluzione all'interno di una procedura fallimentare. Ha il compito di studiare la situazione della società e gestirla al fine di ottenere i migliori benefici per tutte le parti del fallimento.

Quali sono le principali funzioni del curatore fallimentare?

Abbiamo quindi detto che si tratta di una figura professionale, esperta in determinati ambiti, nominata dal giudice delegato per svolgere alcune funzioni molto importanti all'interno di un procedimento fallimentare.** Il curatore fallimentare può essere un esperto economista, un avvocato, un dottore commercialista, un ragioniere, o qualcuno che ha esperienza nell'amministrazione aziendale che, per una serie di meriti, è in grado di entrare in questo particolare specifico mercato di lavoro**. Molto importante specificare che i curatori fallimentari non lavorano per il debitore o per i creditori, poiché per quello hanno già i loro rispettivi avvocati e procuratori. Il curatore fallimentare deve ignorare questi interessi e cercare la migliore soluzione fallimentare da un punto di vista del tutto oggettivo.

Andiamo ora ad analizzare quali sono nel dettaglio le funzioni del curatore fallimentare. Abbiamo già detto che la funzione principale è quella di analizzare la situazione contabile e finanziaria della società che è si trova in una situazione di fallimento. E, sulla base di questa analisi, deve gestire nel miglior modo possibile, le risorse del caso oggetto di fallimento, in modo che il risultato della sua azione sia vantaggioso per tutte le parti coinvolte. Ma andiamo nel dettaglio: deve gestire e prendere decisioni finanziarie in luogo del soggetto fallito, il suo obiettivo principale sarà quello di poter dare una continuità ad un'attività, quando possibile, e cercare soluzioni che possano minimizzare il più possibile la sua insolvenza.

Quali sono le tappe del procedimento?

Abbiamo sopra detto che il curatore fallimentare ha come obiettivo principale durante la sua azione quella di trovare soluzioni per dare continuità a realtà economiche cercando di pagare i creditori e fare scelte strategiche per ripristinare l'ordine aziendale. Inoltre preparare gli accordi ed i contratti necessari, dando priorità, ovviamente, a quelli che si concentrano sulla vendita dei beni del debitore o della sua azienda. Deve, naturalmente, occuparsi di rispettare gli obblighi fiscali, contabili e di lavoro. Dovrà presentare conti, dichiarazioni dei redditi, autovalutazioni e preventivi. Organizzerà le riunioni e assemblee lavorative. Proseguirà con l'attività lavorativa. Se l'azienda lo richiede, si occuperà di assumere nuovi dipendenti o licenziare quelli attuali, oltre a modificare i loro contratti di lavoro se necessario.

Si può quindi affermare che il ruolo del curatore fallimentare nominato dal giudice è determinante per la buona riuscita della procedura fallimentare. Soprattutto, se teniamo conto che è responsabile della preparazione e della presentazione di tutta una serie di documentazione. Si occupa, infatti, della redazione del dossier con tutti i dettagli e le decisioni prese durante la procedura fallimentare. Dovrà occuparsi della realizzazione di un documento in cui viene riportato tutto l'inventario che riflette le passività e le attività del soggetto o la società oggetto della procedura fallimentare. Dovrà occuparsi, inoltre, dell'elenco con tutti i creditori e l'importo a loro dovuto. Potrà sviluppare una proposta di transazione o un accordo, a seconda dei casi.

Cosa precede la nomina del curatore fallimentare?

Cosa succede quando un'azienda non può continuare la sua attività per mancanza di denaro? Nel momento in cui non può pagare i creditori, le tasse, le bollette o le buste paga dei propri dipendenti? In quel caso si dirà che l'azienda è entrata in una situazione di insolvenza. Cosa bisogna fare in quel momento? La cosa normale è aprire un procedimento di fallimento. Una volta aperta la procedura, il giudice nomina un curatore fallimentare che avrà il compito di studiare la situazione della società e gestirla in modo che tutte le parti coinvolte nel fallimento ne escano nel miglior modo possibile. Il curatore fallimentare è un esperto nel campo del diritto o dell'economia, con formazione accreditata nel campo del diritto fallimentare.

La figura del curatore fallimentare deve essere imparziale. Cioè, non rappresenta solo gli interessi del debitore o dei creditori. Il suo compito è trovare la soluzione migliore per entrambe le parti e sempre sotto la supervisione di un giudice delegato e del comitato dei creditori. Come agisce? Il primo passo da compiere è preparare una relazione che spieghi la situazione dell'azienda e le ragioni della sua insolvenza. Per questo l'azienda deve fornirti tutte le informazioni e le documentazioni necessarie per la redazione. Cosa dovrebbe includere il rapporto? Il rendiconto contabile e finanziario del fallito. Un rapporto con le decisioni che ha preso in merito alle azioni del fallito. Inventario delle attività e delle passività del debitore.

Come avviene la nomina del curatore fallimentare?

Lo scopo della procedura di fallimento è quello di cercare di garantire che la società prosegua la sua attività. Per questo, il giudice viene incaricato di nominare un curatore fallimentare che possa analizza la società e cercare di minimizzare le conseguenze del fallimento, stabilendo anche le scadenze in modo che l'imprenditore debitore possa negoziare con i creditori sul come poter pagare i crediti dovuto. Ma come viene nominato e cosa deve fare un curatore appena successivamente la nomina? La nomina del curatore avviene appena dopo la sentenza di fallimento da parte del tribunale. Una volto nominato il curatore fallimentare ha due giorni per far pervenire la sua accettazione al giudice delegato.

Ulteriori informazioni sul curatore fallimentare

Date le sue funzioni, strategiche per la ripresa di un'azienda, è comune che i profili scelti per ricoprire tale profilo abbiano conoscenza ed esperienza nel campo della gestione aziendale. Infine, è importante ricordare che non possono svolgere tali funzioni i soggetti legati al fallimento, né coniugi né parenti, qualsiasi sia il grado di parentela. Nonostante il suo lavoro di osservazione e valutazione, il curatore fallimentare deve agire con diligenza anche nel tempo in cui ricopre tale incarico. Pertanto, deve rispondere delle sue decisioni davanti al debitore ed ai creditori. Questo soprattutto in caso di danni o perdite gravi dell'azienda, o in caso di mancato rispetto della normativa vigente, a causa di comportamenti ed azioni poco diligenti.


News correlate






Imprese: quante si stima chiuderanno nel 2021?
Notizie > Notizie Fallimenti