Notizie Fallimenti

Nel 2020 calano di un terzo i fallimenti delle imprese grazie ai contributi pubblici


I fallimenti aziendali sono stati inferiori nel 2020 rispetto al 2019, secondo uno studio condotto da Banca d'Italia. Le ragioni di questa resistenza alle avversità economiche, a causa del Covid, sembrano essere legate ai contributi pubblici. Le misure adottate nella primavera del 2020 per aiutare le imprese a tenere il passo (in particolare il congelamento della data di sospensione dei pagamenti da metà marzo) nonché il nuovo piano di misure attivato prima dell'estate hanno consentito di tutelare le imprese dal fallimento

Rispetto al 2019, nel 2020 sono uscite dal mercato circa il 27% in meno, da 70.000 a 50.000. Da un lato, nel terzo trimestre del 2020, c'è stato un parziale "rimbalzo" del fallimento, che è aumentato rispetto allo stesso periodo del 2019, ma è tornato su livelli inferiori a quelli dichiarati nell'ultimo trimestre del 2020. 2019. D'altra parte, date le scadenze limitate per la dichiarazione di fallimento, è improbabile che il motivo principale del minor numero di dichiarazioni di fallimento annunciate nel 2021 rispetto al 2019 sia la moratoria. Secondo i dati disponibili, le società che hanno dichiarato fallimento nei primi tre trimestri del 2021 hanno rappresentato circa l'85% dei trimestri corrispondenti nel 2019, l'80% ha dichiarato fallimento e il 75% è uscito dal mercato.

Dal 2020, i contributi pubblici hanno consentito alla maggior parte dei paesi di evitare forti ondate di fallimenti aziendali, nonostante uno storico shock economico causato dalla crisi del Covid-19. Ma il ritiro graduale di questi dispositivi può portare a un aumento dei fallimenti aziendali nei prossimi mesi? In Europa centro-orientale, oltre che in America Latina, il ritorno alla normalità avverrà nel 2022.Dopo un notevole calo nel 2020-2021, dovuto a una rapida uscita dalla crisi sanitaria e quindi a una forte ripresa economica, la maggior parte dei paesi asiatici registrerà forti incrementi delle insolvenze nel 2022 (+18% in media per la regione). L'India, in particolare, vedrà i suoi fallimenti commerciali crescere del +69% il prossimo anno. Tuttavia, a meno che la pandemia non continui a interrompere le operazioni portuali, le fabbriche e le catene di approvvigionamento nella regione, l'Asia vedrà meno fallimenti aziendali nel 2021 rispetto al 2019. L'Europa occidentale, dal canto suo, registrerà tendenze eterogenee. A causa del peso nella loro economia dei settori più esposti alla crisi del Covid-19, Spagna e Italia sperimenteranno nel 2022 un forte rimbalzo delle insolvenze.

Banca d'Italia ha identificato 5 fattori che influenzeranno il modo in cui le insolvenze aziendali si evolveranno su scala globale nei prossimi mesi:

  • La dinamica della ripresa economica mondiale, che giocherà un ruolo importante nel modo in cui gli Stati ritireranno le misure di sostegno pubblico, sapendo che i paesi più avanzati torneranno nel 2021-2022 a una crescita economica al di sopra della soglia storicamente necessaria per stabilizzare il numero di crescita delle imprese (+1,7% in media in Europa). Ricordiamo che Banca d'Italia stima che la crescita economica globale raggiungerà il +5,5% nel 2021 e il +4,2% nel 2022.

  • Il tasso di ritiro delle misure di sostegno pubblico, che avrà un impatto sulla velocità con cui le imprese dovranno attingere alla propria liquidità per finanziare la propria attività.

  • Questo è tanto più importante in quanto molte aziende si trovano ancora oggi in una situazione fragile. È questo in particolare il caso degli “zombi pre-covid-19”, tenuti artificialmente a galla dalle misure di sostegno pubblico, ma anche delle imprese indebolite dall'esplosione del debito relativo alla crisi.

  • Il deterioramento della salute finanziaria delle imprese, a cui si aggiungono le problematiche di sostenibilità del debito.

  • La rapida ripresa delle creazioni d'impresa, poiché l'aumento del numero di imprese aumenterà automaticamente il numero di imprese a rischio; questo è particolarmente vero nei settori in cui le imprese sono state create per soddisfare bisogni immediati durante la crisi (consegne a domicilio, ad esempio), ma la cui redditività è incerta.


News correlate