Notizie Fallimenti

Fallisce la Vercarmodel Saro, aveva costruito il Suv più caro del mondo


Come passare dal guiness dei primati al fallimento in pochi anni. Strano destino quello della Vercamodel Saro, azienda dell'automotive torinese attiva nella progettazione e prototipazione di auto con clienti del calibro di Ferrari, Audi e Porsche. Ebbene, l'azienda, con sede a Beinasco e nota per aver costruito il Suv più costoso del mondo - un unico esemplare messo in strada, costato 3,8 milioni di euro ad un ricco emiro - ha cessato definitivamente la produzione. Il tribunale di Torino ne ha dichiarato il fallimento ed ora, a poche settimane dal Natale, i 96 dipendenti sono senza lavoro. Le avvisaglie della crisi c'erano tutte. Già a giugno, dopo il crollo delle commesse causa recessione da Covid, la Vercarmodel Saro aveva chiesto 12 mesi di cassa integrazione straordinaria per tutti i lavoratori. Ora, però, siamo davvero ai titoli di coda. Il fallimento della società è stato decretato dopo mesi di incertezza legati all'andamento del mercato e alla situazione finanziaria dell’azienda. La proprietà aveva annunciato un piano di rilancio, ma quel piano non si è mai concretizzato e dei tempi del Karlmann King, il famoso Suv più caro del mondo, restano ormai solo i titoli dei giornali e i ricordi. Costruito sulla base di un pickup Ford F550, il possente mezzo aveva un motore benzina da 7 mila cc, con tutto quanto, carrozzeria, finiture, fatto a mano nell'officina di Beinasco. L'unico modello ordinato dallo sceicco aveva i sedili in pelle di coccodrillo, e nella parte posteriore un salotto con due divanetti che si guardano, televisore lcd, frigorifero, connessione wifi e cassaforte. Simile ad un carro armato futurista, il Suv all'interno aveva finiture d'alta classe, molte delle quali in oro. Ora i sindacati, già 'scottati' dal caso Pininfarina Engineering, altro pezzo dell'automotive piemontese e made in Italy svanito nel nulla, chiedono urgentemente un incontro con la Regione Piemonte e con il curatore fallimentare per fare il punto sulla procedura concorsuale e per capire come gestire gli ammortizzatori sociali ancora a disposizione.


News correlate