Notizie Aste

Venezia, asta salata per una tomba 'da vip'


Il Comune apre asta per assegnare cappelle storiche con vista sulle tombe di Ezra Pound, Igor Stravinsky e Helenio Herrera

Anche il Comune di Venezia, come gran parte degli enti locali italiani, necessità di risorse fresche per rimpinguare le casse pubbliche. Nel piano redatto dall’amministrazione al fine di recuperare liquidità ci rientra anche l’asta per l’assegnazione della concessione cimiteriale relativa a diciassette tombe gentilizie di grande valore storico e architettonico presenti all’interno del cimitero di San Michele che si affaccia sulla laguna.

Il Municipio ha bisogno di far cassa e lancia bando per assegnare i loculi per 99 anni

Il bando d’asta riguarda tombe e cappelle private, di nobili famiglie veneziane, rientrate nella disponibilità di Cà Farsetti, per scadenze dei termini o per inadempienze nella manutenzione. Tra esse vi sono sei cappelle, con vetrate e mosaici d'epoca di grande valore, pronte ad essere assegnate per i prossimi 99 anni a chi la spunterà all’asta. Per determinare i prezzi di partenza dell’incanto, i periti del Comune hanno considerato diversi aspetti: dal valore della concessione a quello della costruzione sino alla posizione all’interno del campo santo.

L'eterno riposo accanti ai 'vip' non è per le tasche di tutti

L’eterno riposo accanto a ‘vip’ del calibro di Ezra Pound, Igor Stravinsky o Helenio Herrera, manco a dirlo, ha un suo prezzo piuttosto salato. Si parte infatti da 192mila euro per arrivare a 335mila, senza calcolare eventuali rilanci. Il Comune precisa nel bando che “le aree e i relativi manufatti verranno assegnati nello stato di fatto e di diritto nel quale si trovano, con le relative accessioni e pertinenze, diritti, oneri, vincoli imposti dalle vigenti leggi”. In buona sostanza al prezzo d’asta bisognerà aggiungere “tutte le attività necessarie al restauro conservativo dei manufatti”.

Domande aperte dal 31 gennaio, l'asta il 5 marzo

Le domande si possono presentare entro le 13 del prossimo 31 gennaio e l’asta si terrà il 5 marzo. Poi si avranno tre mesi per presentare un progetto di restauro che sarà supervisionato dalla Soprintendenza veneziana ed entro quattro mesi bisognerà partire con i lavori.