Crisi Aziendali

Respinto il piano concordatario di Papergroup


Rischiano 147 dipendenti. Il tribunale non è stato convinto dalla proposta dei professionisti aziendali. La ditta è schiacciata da 72 milioni di debiti

Ci sono 147 dipendenti a Lucca che rischiano il posto di Lavoro. Il tribunale ha infatti detto no al concordato per la Papergroup, azienda specializzata nel settore cartario. Secondo il Tribunale il piano non presenta abbastanza garanzie ai creditori. La situazione è molto difficile: il debito ammonta a 72 milioni di euro. Ora gli atti saranno passati alla Procura che dovrà valutare se ci sono gli estremi per chiedere il fallimenti. Intanto in azienda è iniziato lo sciopero e il presidio. Il piano prevedeva un esubero di 38 lavoratori ma ora le conseguenze possono essere molto più serie. 

La proposta di concordato era stata depositata il 4 maggio scorso ma non è bastata. I giudici hanno ritenuto il piano concordatario troppo lungo e non adeguato per quanto riguarda l'attestazione e il rispetto dell'ordine della classe dei creditori. Erano previsti sedici anni dall'omologa per il rientro dai debiti. Inoltre anche la procedura competitiva è stata valutata negativamente: la prposta prevedeva l l’affitto di azienda e la successiva vendita senza alcuna procedura competitiva in violazione- secondo i giudici -  dell’articolo 163 bis della Legge Fallimentare. I vertici dell'azienda sono convocati per il sei luglio.