Notizie Aste

Un quadro di Winston Churchill è stato venduto all’asta per 2 milioni di euro


La celebre casa d'aste britannica Christie's ha battuto un quadro Churchill all'asta, ottenendo 2 milioni di euro. Ma questa non è la prima volta che un dipinto realizzato dallo storico Primo ministro britannico viene messo a disposizione di acquirenti locali e stranieri. La sua passione per la pittura è infatti già stata apprezzata nel corso di aste tenutesi nel corso degli ultimi dieci anni. E non è escluso che se ne terranno altre in un prossimo futuro. Proprio adesso che le restrizioni per la pandemia da Coronavirus si stanno allentando sempre più e gli aspiranti compratori possono posare gli occhi sia sui quadri di Churchill che su altre opere d'arte.

Chi era Winston Churchill?

Winston Churchill è maggiormente noto agli studenti e agli appassionati di storia come un politico, un militare e un giornalista. Ma ben pochi tra gli estimatori della pittura sono a conoscenza di questo suo lato artistico. Nei suoi quadri ritraeva dei paesaggi e dei panorami. Ha iniziato questa sua carriera nel corso della Prima Guerra Mondiale. Paul Maze, un altro artista, nonché suo amico, lo ha spronato a darsi alla pittura. Lo scopo era quello di aiutarlo a distrarsi dalla depressione di cui soffriva. Osservando fuori dalla finestra nelle località presenti in Francia, in Marocco e in Egitto, lo stile impressionista di Churchill ha dato vita a dipinti che superano le 550 unità.

Il primo quadro Churchill all'asta nel corso di questi ultimi anni, intitolato "The Goldfish Pool At Chartwell", ritraeva un banco di pesci rossi che nuotavano in uno stagno, presso la residenza di campagna del Primo Ministro a Chartwell, situato nel Kent. Nel 2014, la casa d'aste Sotheby's lo ha venduto per 1,8 milioni di sterline. E nel 2017, lo stesso anno di uscita del film biopic "L'ora più buia", un altro dipinto con il medesimo soggetto è comparso all'asta, sempre a opera di Sotheby's. Ecco una curiosità sulla pellicola dedicata alla vita del Primo ministro britannico. Questa si è aggiudicata diversi riconoscimenti importanti, come due premi Oscar e un Golden Globe.

"The Moat, Breccles"

Nel giugno del 2021, la casa d'aste Phillips di New York ha esibito il seguente quadro Churchill all'asta: "The Moat, Breccles". Il Primo ministro britannico lo ha realizzato nel corso dell’estate del 1921, traendo un particolare piacere nel ritrarre le valli boscose. A quel tempo, aveva appena perso la madre e Marigold, la sua figlia più giovane. In seguito, Churchill farà dono di questo quadro all'armatore greco Aristotele Onassis. Era diventato un pegno della loro profonda amicizia che si era sviluppata durante le otto crociere che avevano trascorso insieme tra il 1958 e il 1963. Prima che finisse all'asta, il dipinto, appartenuto per anni all'Onassis Family Collection, aveva decorato il superyacht "Christina".

Oltre al "The Moat, Breccles" che porta la firma di Churchill, sulla medesima nave si potevano ammirare delle opere realizzate da Johannes Vermeer, El Greco, Camille Pissarro e Paul Gauguin. Adesso, per 1,84 milioni di dollari, appartiene a un nuovo proprietario. E non è stata la prima volta che la Phillips ha messo all'asta un dipinto famoso. Tra i quadri più celebri passati per le mani dei curatori, ecco i titoli più famosi. Da "Noël" di Joan Mitchell a "Femme dans la nuit" di Joan Miró, passando per "Horse. Night" di Anatoly Kryvolap, gli acquirenti da tutto il mondo hanno potuto visionare delle opere d'arte appartenenti a qualunque stile pittorico.

"Il minareto della Moschea della Kutubiyya"

L'attrice e filantropa Angelina Jolie, qualche mese prima, ha invece donato un dipinto chiamato "Il minareto della Moschea della Kutubiyya". La casa Christie's di Londra lo ha fatto aggiudicare alla cifra di 12 milioni di dollari, con una stima di partenza di 3,4 milioni di dollari. In seguito alla Conferenza di Casablanca del 1943, Churchill aveva condotto il presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Roosevelt in un luogo dove potevano ammirare il tramonto sulla suddetta moschea. Roosevelt amava i tramonti, e così Churchill lo aveva dipinto per fargliene dono in un secondo tempo. Questo quadro è stato l'unico che il Primo ministro britannico ha portato a compimento durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il quadro Churchill all'asta "Il minareto della Moschea della Kutubiyya" ha fatto parte della collezione della Jolie e dal suo ex marito Brad Pitt. Il valore stimato della collezione artistica della coppia di coniugi ammontava a circa 25 milioni di dollari. I 12 milioni di dollari che la vendita di questo dipinto ha fruttato alla casa d'aste Christie's è fino ad adesso la somma più elevata mai ottenuta per l'acquisto di un'opera d'arte realizzata dal Primo ministro britannico. Ma la cifra più alta in assoluto ottenuta per un quadro battuto dalla Christie's è stata spesa per il dipinto "Donna seduta vicino a una finestra" che Pablo Picasso ha realizzato nel 1932.

"Il ponte di Aix en Provence"

Churchill, dopo aver dipinto "Il ponte di Aix en Provence" nel 1948, ne ha fatto dono a Willy Sax. Era dunque un abitudine regalare i propri quadri. Sax produceva vernice e materiali da disegno, e il Primo ministro si riforniva spesso da lui. Entrambi sono diventati amici intimi nel 2016, accomunati dalla passione nei confronti dell'arte figurativa. Ma in questo caso, l'omaggio è stato reciproco. Sax, infatti, ha dedicato a Churchill una linea di colori. La sfumatura blu scuro, che oggi conosciamo col nome di "Royal Blue", il blu reale inglese, era all'epoca nota con la denominazione di "Churchill Blue". I pittori come Henri Matisse e Pablo Picasso la utilizzavano spesso.

Il quadro Churchill all'asta

Nel dipingere "Il ponte di Aix en Provence", Churchill nutriva una particolare attrazione per lo scenario. Nello specifico, amava le forme che le acque dell'Arc, fiume delle Maurienne, creava. Anche perché aveva già avuto modo di ammirarlo in un quadro dipinto da Paul Cézanne sullo stesso soggetto. In particolar modo, gli piaceva il "TroisSautets". Ovvero il ponte sull'Arc. Cézanne, poco prima di morire, aveva potuto realizzare non uno, ma ben due acquerelli per tributare a questo scenario il giusto omaggio. Il primo era "Baigneuses sous un pont", che oggi è possibile ammirare presso il Museum of Modern Art di New York, situato sulla 53ª strada. Il secondo era "Le Pont des TroisSautets".

Foto: Sky Arte


News correlate


All'asta le Millemiglia di Alitalia?
Notizie > Notizie Aste




Eredità di Al Capone finisce all'asta
Notizie > Notizie Aste