Notizie Fallimenti

Crisi della nautica, falliscono i cantieri toscani Perini Navi


La crisi della nautica di lusso miete un'altra storica vittima e cancella un simbolo del made in Italy. L'agonia di Perini Navi, il cantiere di Viareggio leader mondiale nella realizzazione di yacht superior a vela e motore, si è chiusa con il fallimento. A decretarlo il Tribunale di Lucca che ha bocciato il piano di ristrutturazione presentato dalla proprietà, la famiglia Tabacchi tramite la società Fenix. Nello specifico, il piano prevedeva l’ingresso del fondo lussemburghese Blue Sky con una corposa iniezione di liquidità, circa 30 milioni di euro. Lo scorso maggio la società, celebre per aver realizzato gli yacht Principessa VaiVia di Silvio Berlusconi, il Morning Glory di Rupert Murdoch e il Camilla di Massimo Moratti, aveva presentato domanda di concordato in bianco al Tribunale toscano che aveva poi concesso una proroga scaduta ai primi di gennaio. Decisivi, nell'ambito della sentenza negativa emessa dal giudice, che ha sancito il fallimento della Perini, i ritardi nelle trattative e la richiesta di ulteriori quattro settimane per valutare i dettagli dell’offerta di Blue Sky. Il Tribunale di Lucca ha nominato curatore l’attuale commissario Franco Della Santa. La crisi dei cantieri Perini, fermi da marzo, ma con alcune commesse importanti in pancia, come ad esempio la realizzazione della barca a vela del fondatore di Oracle, Larry Ellison, è tutta nel debito monstre accumulato con alcuni istituti di credito, pari a circa 100 milioni di euro. Ora l’unica strada che appare percorribile è quella dell’asta fallimentare. In merito, i cantieri Ferretti e Sanlorenzo avevano già manifestato interesse per subentrare nella proprietà.