Aste Immobiliari

Perdono la casa per poche centinaia di euro e aggrediscono il nuovo acquirente


Applicare la legge in maniera meccanica, senza alcuna elasticità, può portare a risultanti sconcertanti e a reazioni esasperate e spropositate dei soggetti coinvolti.

E’ quello che è accaduto ad una coppia di Castelseprio. La vicenda si protrae dallo scorso anno ed inizia con un debito di 7000 € contratto con una casa di riposo di Vedano Olona nella quale è ricoverata l’anziana madre della protagonista della faccenda, la signora Giancarla Castiglioni, proprietaria di un immobile e invalida civile al cento per cento.

Dopo il saldo del conto i coniugi hanno trascurato di pagare anche le spese legali, per un ammontare di circa 800 euro. Tanto basta per vedersi pignorare l’immobile di proprietà. Nel frattempo il signor Girolamo Sereno acquista la casa nel corso di una regolare asta immobiliare, aggiudicandosene la proprietà per 46 mila euro. La situazione è naturalmente molto delicata, anche se non lascia spazio a irregolarità dal punto di vista formale e legislativo.

Di fatto il nuovo proprietario non è ancora riuscito ad entrare in casa: per tre volte si è incontrato con la coppia, in presenza dei legali e dell’ufficiale giudiziario, stabilendo uno slittamento delle pratiche di subentro. La situazione però sembra essere degenerata in occasione dell’ultima riunione, conclusasi con la concessione di lasciare casa entro Settembre prossimo: mentre il signor Sereno si allontanava, il marito della signora Castiglioni, Walter Pomaro, evidentemente vittima dell’esasperazione, lo ha aggredito colpendolo con il manico di un piccone. La vittima si è difesa riuscendo a parare il colpo ma ha comunque riportato la frattura di un polso e diverse ferite lacero contuse.