Notizie Fallimenti

Aggregazioni aziendali: anche le imprese in crisi possono beneficiare degli incentivi


Le fusioni e le acquisizioni, definite anche come aggregazioni aziendali, possono avere un impatto fondamentale sull'attività, sulle risorse e sulla strategia dell'acquirente. Per la maggior parte delle entità, queste transazioni sono rare e ognuna è unica. Il principio stesso è in vigore da oltre dieci anni ed è stato sottoposto a una revisione successiva all'attuazione da parte della legge fallimentare italiana. È uno degli standard più citati tra gli standard in vigore oggi.

Definizione e spiegazione

Un'aggregazione aziendale significa una più profonda cooperazione tra più società. Tale fusione può avvenire senza dover rinunciare all'indipendenza (cooperazione) o con l'abbandono totale o parziale dell'autonomia imprenditoriale (concentrazione). La concentrazione, invece, si riferisce ad un (parziale) abbandono della libertà imprenditoriale e andava presa in carico delle decisioni imprenditoriali da parte di un'altra impresa. La concentrazione è diffusa almeno quanto la cooperazione, pur nella forma e nelle varie caratteristiche. In economia, è quindi il più ampio sottocampo della teoria della fusione ed è tematicamente molto più ampio.

Obiettivi e problemi

Ogni raggruppamento di aziende ha obiettivi da raggiungere. Naturalmente un obiettivo spesso prevale sulle esigenze individuali dell'ambiente richiede un tentativo di analizzare preventiva dei potenziali punti di forza e di requisiti delle conseguenze di una fusione. I problemi più comuni che possono sorgere nell'ambito di una cooperazione e anche nell'ambito di una concentrazione sono dovuti alla natura del mercato. Finisce "cartello" descrive approssimativamente le conseguenze della fusione di diverse società per formare un potere forte e dominante. Questo è il motivo per cui la collaborazione e le fusioni sono nella quasi totalità dei casi soggette all'esame dell'Ufficio dei cartelli.

Definizione del fine: controllo vs. fusione

Nell'ambito di una concentrazione, si verifica inevitabilmente una situazione in cui un'impresa deve rinunciare, in parte o in tutto, alla propria indipendenza. Mentre nel caso primo parla di controllo e si deve concludere un accordo di controllo, il caso in cui la fusione classica è descritta in cui due o società si fondono tra loro.

Questa originariamente si è fusa in una società completamente nuova in cui l'azienda acquisisce la sua interamente di proprietà della società "più forte". Attenzione: "più forte" non significa necessariamente "migliore", ma riflette fattori come il riconoscimento del marchio, l'infrastruttura e i vantaggi economici. Nel contesto del controllo, ci sono anche varie costellazioni. In linea di principio, attualmente è possibile per le aziende scegliere e contrattualmente come trattare l' impresa in crisi. Gli scenari comuni sono gli accordi di trasferimento di benefici o il trasferimento di poteri.

Si conclude che le aggregazioni aziendali descrivono il processo mediante il quale vengono formate unità economiche più grandi da società giuridicamente ed economicamente indipendenti al fine di trarne benefici economici.

Gli incentivi per le aggregazioni aziendali non si applicano alle società in fallimento, ma possono applicarsi alle società in crisi. *Le aggregazioni aziendali favorevoli sono concepite non solo per sfruttare le sinergie operative tra imprese sane, ma anche, nel caso di riorganizzazioni aziendali, per rendere appetibili gli asset e beneficiare delle perdite fiscali che possono subire le imprese in difficoltà, dandogli così uno strumento aggiuntivo per ottenere la ripresa e la rivitalizzazione del business. *

Tale agevolazione consente alle persone fisiche derivanti da affari eccezionali di convertire in crediti d'imposta una parte delle attività fiscali differite (DTA: Deferred Tax Assets) relative alle perdite fiscali e all'avanzo ACE (assistenza alla crescita economica). I requisiti proposti si applicherebbero a tutte le operazioni tra entità sotto controllo comune. Non sarebbe quindi più necessario operare una distinzione per determinare se tali operazioni presentino o meno una realtà economica, cioè se costituiscano o meno pure riorganizzazioni del capitale.


News correlate