Notizie Aste

Il sovrano, l'idraulico e un quadro da 3 milioni di dollari


Lo strano destino del Santa Margherita e il drago di Tiziano Vecellio: il 1 febbraio in vendita da Sotheby's e i collezionisti affilano già le armi

Da merce di scambio per pagare i lavori dell’idraulico ad opera d’arte tra le più pagate di tutti i tempi. Questo lo strano destino del Santa Margherita e il drago di Tiziano Vecellio, quotata all’asta da Sotheby's per non meno di 3 milioni di dollari. Il quadro, quattro secoli fa, faceva parte della vasta collezione di Carlo I d'Inghilterra. Alla morte del sovrano, i suoi successori si trovarono con alcuni lavori effettuati dall’idraulico di corte da pagare e considerando troppo elevata la parcella decisero di retribuire l’operaio in parte con denaro e in parte con l’opera d’arte in questione. Vallo a sapere poi che, 400 anni dopo, quel quadro avrebbe avuto una quotazione monstre, tale da diventare il lotto più prestigioso battuto in aste private dall’inizio del 2018. Quando il sovrano venne decapitato per alto tradimento, il 30 gennaio del 1649, l'idraulico John Embry volle comunque esigere il pagamento di quanto dovutogli al governo repubblicano che spodestò il monarca. L'esecutivo, però, gli risarcì solo parte della somma - 903 sterline dell'epoca, pari oggi a 165 mila euro - e gli fece scegliere un'opera dalla collezione nutritissima di Carlo I. Embry optò per la più prestigiosa, quella del pittore italiano, dimostrando di aver fiuto per l'arte e rientrando così di altre 100 sterline (18 mila euro odierni). Il primo febbraio si terrà l’asta e Sotheby's conta di aggiudicare l’opera per non meno di 3 milioni di dollari. E l’idraulico inglese? Beh, i suoi eredi non avevano il suo fiuto in fatto di affari e infatti, alla sua morte, hanno venduto il quadro.


News correlate