Fallimento

Fallimento Pastificio Amato: prossimo 5 settembre scade bando di vendita


Il tribunale di Salerno ha fissato al prossimo 5 settembre, la scadenza del bando, per la vendita dello storico pastificio "Antonio Amato".

Un super lavoro, è il caso di dirlo, per il curatore fallimentare Amendola, infatti solitamente i tempi sono un pò più lunghi, relativamente anche alla lista dei beni che compongono lo stato attivo dello storico marchio di pasta.

L'esigenza di accelerare le fasi della vendita, si suppone sia dettata, dalla volontà di garantire un passaggio di consegne il più innocuo possibile, infatti attualmente la società è ancora in piedi, con i prodotti sul mercato, e sopratutto con i dipendenti al lavoro.

Un altro aspetto da non sottovalutare, è il valore sul mercato di questa storica società, che a tutt'oggi mantiene un buon nome.

Ma chi potrebbe essere interessato all'acquisto di un'impresa del genere? Molti, vista l'importanza del marchio e del settore,  a cominciare dall'imprenditore siciliano, che aveva già  fatto delle avances prima della dichiarazione di fallimento, senza tralasciare tutti quegli operatori stranieri a cui potrebbe far gola un noto e e consolidato marchio italiano, di un prodotto simbolo dell'Italia stessa.

Per queste ragioni la nostra speranza è, che a farsi avanti, sia un'azienda nostrana che, allettata da un buon affare, frutto del fallimento, si porti a casa, e quindi mantenga sul mercato il prestigioso marchio di pasta "Pastificio Antonio Amato".

A tal proposito vorremmo ricordare che è anche possibile, presentare offerte di affitto, oltre che di acquisto, sempre entro le 12,00 del 5 settembre prossimo, presso il tribunale di Salerno.