Notizie Fallimenti

Bialetti, aumento di capitale per evitare crac


Una iniezione di capitale da oltre 6 milioni per evitare il rischio fallimento. Questa la strategia di risanamento messa in campo da Bialetti, la storica azienda di casalinghi italiani famosa per le caffettiere e per avere inventato la celebre moka argentata. Nel primo giorno dell’aumento, le azioni Bialetti hanno registrato un rialzo di quasi diciotto punti percentuali. L’operazione fa parte di un rafforzamento patrimoniale che comprende anche una emissione obbligazionaria da 35,8 milioni, sottoscritta da Sculptor Ristretto Investments, azionista del gruppo, e un nuovo debito per 10 milioni di euro. Il prospetto per l'operazione è stato approvato il 4 novembre dalla Consob. Il piano di rilancio, dunque, è in corso ma il rischio fallimento non è allontanato. “Sussiste una incertezza significativa sulla continuità aziendale scrive il gruppo nel prospetto e “il rischio di mancata esecuzione del Piano stesso è molto elevato”. Sculptor, che fa capo ai fondi Och Ziff, si è impegnato a sottoscrivere l'aumento per 4,2 milioni. Se nessun altro aderirà, Bialetti Holding scenderà dal 64,8% al 50,5% con Sculptor al 21,89%, mentre in caso di sottoscrizione totale Bialetti Holding scenderebbe al 45% e Sculptor si troverebbe al 19,57%. Ma Bialetti Holding si è impegnata a cedere la totalità dei diritti di opzione che le spettano. “La piena realizzazione della Manovra Finanziaria costituisce condizione necessaria ma non sufficiente”, si legge ancora nella nota, mentre è “necessario che le azioni del Piano Industriale 2018-2023 siano realizzate”. Le previsioni di settore - riportate dalla stessa società - evidenziano un mercato italiano del caffè in crescita nel 2018-2023 del 2,5%, mentre il Piano si attende una crescita media dei ricavi pari a circa l'11% ma durante l'ultima riunione, il 4 ottobre, il cda ha tagliato le stime sul 2019 e all'orizzonte ci sono sempre le possibili dismissioni mentre l'indebitamento finanziario netto al 30 settembre è salito a 120,5 milioni.


News correlate




Hatù, venduta la sede storica
Notizie Fallimenti