Asta Giudiziaria

Asta del Bari: tre investitori pronti a competere


Assieme al Fc Bari 1908 fondato da Gianluca Paparesta, che manteneva contatti con imprenditori russi ed italiani, sono saliti a tre gli acquirenti per l’asta giudiziaria del 18 aprile.

Attualmente sono scesi in campo il fondo di investimento estero coordinato dalla società di consulenza londinese Moorgate ed un’azienda turca leader nei settori dell’edilizia e del turismo.

Il fondo di investimento ha dato vita alla Società Sportiva Calcio Bari Srl: l’atto costitutivo è stato formalizzato a Roma da Antonino Privitera. Come soci ci sonoMarcello Felli, nato ed avente residenza a Roma , nominato amministratore unico, più la società Edra Investments Ltd (società a responsabilità limitata) con sede a Londra. 10.000 euro il capitale sociale, la sede legale è in Via Principe Amedeo 50.

La società ha un collegio sindacale, composto da tre effettivi e due supplenti, con residenza a  Roma. L’investitore interessato anche alla riqualificazione dello stadio San Nicola e dell’area circostante, è ancora ignoto. La sua identità potrebbe svelarsi quando sarà depositata la somma per la partecipazione all’incanto (4,3 milioni). All’operazione parteciperà l’avvocato Donato Di Campli, procuratore di Marco Verratti, calciatore del Paris Saint Germain e della nazionale.

Se l’aggiudicazione dovesse avvenire, Di Campli, si occuperebbe della gestione post fallimentare del club, ovvero, lo stesso ruolo che egli ha a Pescara. Secondo l’avvocato, Bari sarebbe uno dei luoghi più importanti d’Italia. L’interesse sul fondo di investimento è forte. Nell’operazione potrebbero intervenire altre imprenditori. Ora tutto è da verificare.

L’altra società costituita da Francesco Rinaldi è S.C.F.C. Bari Sport Club 2014 Srl. In tal caso, il capitale sociale è di 10mila euro. I soci sono: l’ingegner Alessandro Di Bello (amministratore unico) ed il legale Luciano Dalfino, entrambi baresi.
La sede legale è in Via Andrea da Bari 157. Il trasferimento delle quote sociali ai reali investitori è avvenuto in segreto.
Gli industriali sono legati con il calcio al Galatasaray o al Besiktas, secondo voci di corridoio, e vedono nel Bari un polo per affari nel campo immobiliare e sportivo: si vorrebbe realizzare una polisportiva che comprenda altre discipline, oltre il calcio.
Ci si aspetta, dunque, una corsa a tre per il Bari. La competizione, però, potrebbe allagarsi nei prossimi giorni e diventare ancora più interessante.
L’asta del 18 aprile, intanto, si avvicina e i tifosi sono sempre più speranzosi. Comunque vada, il futuro non sembra essere così buio per la squadra pugliese, anzi sembrano prospettarsi delle situazioni vantaggiose. Come si suol dire “chi vivrà vedrà”.