Notizie Aste

Andy Warhol torna nelle case d'aste di New York


Silver Car Crash (Double Disaster), 1963, stimato con una cifra che si aggira intorno ai 60 milioni di dollari, Liz #1 (Early Colored Liz) del 1963, stimata 20-30 milioni di dollari, Flowers (Five Floot Flowers), 1964, all'incanto per 10-15 milioni di dollari.

Se questi pezzi sono di vostro interesse, bisogna fare un salto da Sotheby's, durante la famosa serata del prossimo 13 novembre, quando insieme alle icone del Maestro della Pop saranno battuti all’asta anche diversi "colleghi” degli anni ruggenti della New York dei bei tempi. Si va, infatti,da Jean Michael Basquiat a Gerhard Richter.

La scelta è quella di mettere all’asta pezzi assoluti da collezione, per tentare di raggiungere nuovamente dei record senza precedenti.

E Christie's di certo non si è tirata affatto indietro. Di fatti, gareggerà in linea con le stime di Silver Car Crash con una bottiglia di Coca Cola del lontano 1962 e tenuta, ancora chiusa, in una collezione privata da più di un quarto di secolo.

La celebre bottoglietta, andrà all'asta il 12 novembre al Rockfeller Center, e sarà messa in mostra a Londra da oggi e fino al 18 ottobre. Si tratta di uno dei pochissimi lavori dell'epoca realizzati a mano, ma anche un soggetto innalzato a manifesto del tempo, come se fosse un mezzo busto. E’ stato stimato circa 60 milioni di dollari. Cifre da capogiro.

Brett Gorvy, Presidente e Responsabile Internazionale della sezione Post-War & Contemporary Art di Christie's. ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “In un momento in cui migliori collezionisti internazionali sono alla ricerca di capolavori blue-chip, nulla è più iconico dei dipinti a mano realizzati dal maestro della Pop Art, Andy Warhol. Coca Cola è uno dei primi lavori dell'artista che definisce la generazione Pop. Questo lavoro di qualità  museale è stato in una delle più importanti collezioni di Warhol per oltre due decenni”.

Warhol dal canto suo, ha dichiarato di sentirsi un rappresentante degli Usa, un’artista puro che cerca di comunicarne il reale spirito, senza alcuna critica particolare al paese o bruttura.