La classe media italiana a rischio default

07/05/2019 Notizie Fallimenti
crisi classe media

In un decennio perso oltre il 10% del reddito: scomparsi circa 2350 euro/anno, fino a 378 al mese

La classe media è la fascia della popolazione italiana che più di tutte sta pagando la crisi economica degli ultimi anni. Secondo uno studio condotto dal Sole 24 Ore, l’impoverimento della classe media italiana negli ultimi 10 anni è stato inarrestabile. L’analisi ha confrontato le dichiarazioni dei redditi del 2008 (anno di imposta 2007, ovvero l’anno in cui è esplosa la crisi finanziaria dei subprime da cui è nata la grande recessione) con quelli del 2018 (anno di imposta 2017). Ebbene, in un decennio la classe media italiana ha perso oltre il 10% del reddito. Il quotidiano economico ha diviso la classe media in due categorie di reddito: da 15 a 26 mila euro e da 26 a 55 mila euro. Per quanto riguarda la prima di queste due fasce, la perdita di reddito in 10 anni è stata del 10,4%. In termini reali, ovvero a parità di potere di acquisto, l’erosione è stata pari a 2350 euro l’anno. Per quanto riguarda invece la fascia tra i 26 e i 55 mila euro il calo di reddito decennale è stato dell’11,7%, pari a 4539 euro l’anno. Una vera e propria stangata rispettivamente di 196 e 378 euro al mese. Soffrono anche le classi sociali più povere dato che il calo di reddito coinvolge la maggior parte della popolazione, con il 43,8% degli italiani che non arriva a 15 mila euro. Anche per questa categoria il potere di acquisto è diminuito del 13%.