Sider Vasto, 40 anni di storia all'asta

03/04/2019 Notizie Aste
Sider Vasto panoramica

Prima del fallimento dichiarato a fine 2015, l'azienda era leader a livello europeo nella produzione di tubi elettrosaldati. Ora il network IT Auction raccoglie le offerte d'acquisto per il complesso industriale

Nuova asta per il complesso industriale Sider Vasto. A gestire la vendita dell'azienda, chiusa da ormai tre anni, il network romagnolo IT Auction tramite il proprio portale Industrial Discount. La Sider Vasto, aperta nel 1976 nella zona industriale di Punta Penna, ad un chilometro appena dal porto di Vasto, era andata in crisi a partire dal 2012 vivendo poi tre anni difficili culminati nel luglio 2015 nel presidio permanente davanti ai cancelli messo in atto dagli operai con l'obiettivo di bloccare i camion destinati a prelevare lo slitter, un macchinario indispensabile per le lavorazioni che si svolgevano nell'azienda. Nonostante la mobilitazione, il sito, nel dicembre dello stesso anno, aveva cessato la produzione. Sider Vasto, al tempo, era azienda leader a livello europeo nella produzione di tubi elettrosaldati. Sui conti economici ha impattato la crisi del 2007: la richiesta del mercato è calata molto e non è bastato, per cambiare il destino della Sider, la creazione di un centro servizi che era in grado di soddisfare tutte le esigenze dei clienti personalizzando il più possibile il prodotto. Il complesso in vendita è disposto su oltre 87mila metri quadri ed è in una posizione invidiabile dal punto di vista logistico: non lontano dal casello Vasto Nord, vicino al porto e collegato alla stazione con 1.240 metri di raccordo ferroviario che passa all'interno dello stabilimento. Chi parteciperà all'asta potrà presentare un'offerta per l'intero complesso industriale, per la sola parte immobiliare o soltanto per quella strumentale. Nel caso si sia interessanti all'azienda nel suo complesso, si potranno presentare offerte per un lotto che è comprensivo sia dei beni immobili sia di quelli strumentali. Il prezzo base d'asta in questo caso è 17,5 milioni di euro (il valore di perizia è 23,2 milioni di euro). L'offerta per l'intero complesso aziendale è quella che sarà valutata prioritariamente dagli organi della procedura. Esiste inoltre la possibilità di partecipare all'asta per il solo lotto riguardante terreni e fabbricati, tra cui i capannoni industriali e la palazzina dove hanno sede gli uffici. La base d'asta in questo caso è 8,9 milioni di euro. Infine, è possibile presentare offerta d'acquisto per i soli beni strumentali, la cui base d'asta parte da 8,6 milioni di euro. Si tratta di macchinari di vario tipo (rulli, torni, carrelli elevatori) che servono alla produzione di tubi in acciaio. Per partecipare all'asta è necessario inviare un'offerta irrevocabile d'acquisto a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento indirizzata alla sede legale di IT Auction srl che si trova in via G.Galilei 6, Faenza, Cap 48018. Le indicazioni per la redazione dell’offerta si possono trovare nell'avviso di vendita scaricabile, previa registrazione gratuita al sito. Le buste saranno aperte il 28 maggio 2019 alle 15. Nel caso sia stata presentata più di un'offerta, il 29 maggio inizierà l'asta al rialzo che si svolgerà esclusivamente online. La prima offerta sarà automaticamente attribuita al miglior offerente. L'asta si aprirà alle 15, con rialzo minimo di 50mila euro. Sul portale Industrial Discount tutti i dettagli