Il Vicenza sarà venduto il 9 maggio, serve la salvezza

06/04/2018 Notizie Aste
Vicenza calcio

Ok dei creditori al piano del curatore. Ora si attende l'asta che andrà in scena tre giorni dopo la fine del campionato di serie C. Tenere la categoria potrebbe essere decisivo

Tre giorni dopo la fine del campionato di serie C, dove milita il Vicenza calcio sarà venduto all'asta. L'incontro tra il curatore Nerio De Bortoli e il comitato creditori, composto da Gianni Grazioli segretario Aic, Fabio Faccin consulente del lavoro e Mauro Sterchele dell'omonima Sterchele Spa, ha avuto esito positivo. Per l'arrivo dei nuovi compratori sarà molto importante la conquista della salvezza. Nonostante il fallimento, infatti, la gloriosa società veneta continua il campionato (a differenza di quanto accaduto al Modena). Le acque, va detto, non sono delle migliori: il Vicenza è ultimo in classifica a 28 punti e anche se la quota per rimanere in C non è lontanissima servirà davvero tanta motivazione per rimanere in categoria. Al momento il futuro è piuttosto buio. Una cordata ci sarebbe, ma sul nome vige il più completo silenzio.

Il via libera dei creditori è arrivato su progetto del curatore. Le cifre: poco meno di un milione serve per arrivare a fine campionato, di cui certi sono circa un terzo. Entreranno infatti 300 mila euro dalla restante parte della fideiussione depositata dal Vicenza alla Lega Calcio. Secondo le indiscrezioni, il curatore conta poi su 150-200 mila euro provento di operazioni commerciali. Il progetto prevede l'entrata di altri soldi dalla riscossione di vecchi crediti.