Dps Trony, incontro al Ministero. I sindacati chiedono la Cigs

28/03/2018 Crisi aziendali
Trony

Il Mise si è impegnato ad agevolare la cessione dei rami d’azienda verso terzi facendosi carico di contattare le imprese più referenziate del settore facendosi carico di contattare le imprese più referenziate del settore e impiegando eventuali risorse

Si è tenuto al Mise l'incontro per l'azienda Dps Trony dove, in rappresentanza dell'impresa, era presente il curatore fallimentare che ha confermato la sospensione dal lavoro e dalla retribuzione. La richiesta delle organizzazioni sindacali è quella di ottenere l'esercizio provvisorio per parte della rete vendita al fine di poter chiedere la Cigs. L’ammortizzatore sociale, oltre ad attutire l’impatto sociale, sarebbe utile, qualora si confermasse la cessione di tutta o parte della rete vendita a terzi, per l’applicazione di quanto previsto dall’art.47 della 428/90. Diversamente, qualora i lavoratori fossero licenziati, perderebbero la garanzia di essere assunti da parte di chi subentra nei punti vendita” spiega il rappresentante della Filcams Cgil nazionale Alessio Di Labio.

“Nonostante il Mise ritenga condivisibile l’istanza della delegazione sindacale, la curatela ha escluso che presenterà istanza al giudice per l’esercizio provvisorio in quanto non utile al fallimento, non essendoci quantità e tipologia di merce tale da rendere sostenibile la continuazione di attività. Le organizzazioni sindacali promuoveranno direttamente verso il giudice del Tribunale di Milano la richiesta. Il Mise si è inoltre impegnato ad agevolare la cessione dei rami d’azienda verso terzi facendosi carico di contattare le imprese più referenziate del settore e impiegando eventuali risorse. Un nuovo incontro al Mise è previsto per il 5 aprile alle ore 15, seguirà ulteriore convocazione”.