Il casinò di Campione d'Italia conferma i 482 licenziamenti

28/11/2018 Notizie Fallimenti

Sono partite le lettere dei curatori fanllimentari. Entro il 10 dicembre la procedura si concluderà. I dipendenti sono senza stipendi dal luglio scorso

Sono stati confermati i 482 licenziamenti al casinò di Campione d'Italia. Entro il 10 dicembre i curatori fallimentari licenzieranno gran parte dei dipendenti della struttura, in profonda crisi. Il 22 novembre scorso i curatoridella società   hanno scritto al giudice della prima sezione civile del tribunale di Como Alessandro Petronzi che aveva chiesto aggiornamenti sulla situazione dei lavoratori della casa da gioco, dopo che aveva ricevuto nei giorni scorsi i sindacati.

«I curatori sono profondamente consapevoli della situazione occupazionale e dei temi sociali che investono l’intera comunità di Campione d’Italia – si legge nella lettera – la cui economia di fatto si basava solamente sull’attività del Casinò. Ma quali organi di fallimento occorre fare ciò che la legge impone. Pertanto le confermiamo che stiamo procedendo con il licenziamento collettivo di tutti i lavoratori. La procedura è stata avviata il 24 settembre, la prima fase si è conclusa l’8 novembre con un mancato accordo, dunque si è immediatamente dato impulso al secondo passo in Regione Lombardia che ha convocato il fallimento e le parti sociali».

Questi i termini temporali della vicenda: «È ragionevole pensare che verso il 10 dicembre questa fase si concluderà: a quel punto invieremo le lettere di licenziamento nei tempi più veloci possibili». È necessario per poter permettere ai dipendenti, senza stipendio da fine luglio di presentare domanda per accedere come creditori».