Fallimenti 2016, tre idee tecnologiche con un quasi flop

14/01/2017 Notizie Fallimenti
Fallimenti 2016, tre idee tecnologiche con un quasi flop

Il 2016 si è concluso da poco, e il tempo è propizio per poter fare dei bilanci più o meno impietosi sulla sua evoluzione. In tal senso, non è difficile cercare di individuare alcuni dei principali fallimenti tecnologici degli ultimi trimestri, in grado di caratterizzare un anno non troppo positivo sul fronte delle disfatte hi-tech e... di creare qualche grattacapo ai big del comparto.

Samsung Galaxy Note 7

Il flop probabilmente più memorabile del 2016 in ambito tecnologico è ad opera di Samsung, che ha lanciato sul mercato il Galaxy Note 7 con un serio problema di surriscaldamento della batteria al litio. Un problema che avrebbe potuto determinare un incendio del dispositivo, e in alcuni casi la sua esplosione. Valutato che il device era largamente e lungamente atteso dal mercato, altrettanto larga e lunga è stata la delusione che è scaturita nei consumatori, una parte dei quali hanno subito una concreta disaffezione nei confronti del brand sudcoreano. Per quanto concerne le ripercussioni economiche, il danno è valutato intorno ai 20 miliardi di dollari. Forse peggiore, addirittura, il danno reputazionale e di immagine...

GoPro Karma

Forse non tutti si sono accorti del suo arrivo, ma GoPro nel corso dello scorso anno ha lanciato un drone che sembrava promettere molto bene. Peccato che il dispositivo, il GoPro Karma, messo in vendita online a un prezzo di circa 800-900 euro, sia stata subito candidata ad essere una delle principali delusioni del 2016 in ambito tecnologico. I primi acquirenti che hanno messo le mani sul dispositivo purtroppo hanno constatato ben presto schianti fin dal volo inaugurale. Impietosi sono stati i video con i quali sono stati immortalati i tentativi infausti di dare sfoggio delle proprie capacità di pilota di drone. La conseguenza? GoPro ha dovuto ritirare dal mercato il prodotto a sole due settimane dal lancio. Probabilmente la società ha pagato la scelta di lanciarsi in un nuovo mercato troppo rapidamente, allontanandosi dalla strada, ben tracciata e solcata, del proprio core business.

Apple MacBook Pro

Un pò per par condicio nei confronti di Samsung, e un pò perchè le recensioni negative su tale prodotto sono state stranamente molto diffuse, inseriamo nei mezzi passi falsi anche l'Apple MacBook Pro che, dinanzi a ottimi valori aggiunti (come la Touch Bar, lo schermo ancora più sottile, lo scanner dell'impronta digitale, e così via), ha avuto modo di introdurre elementi non totalmente apprezzati dai consumatori di vecchia data, e più nuovi: la sola porta USB-C al posto delle vecchie porte USB, l'assenza della presa HDMI, una durata della batteria non certo elevatissima. Insomma, non certo un cattivo prodotto (tutt'altro!) ma probabilmente inferiore alle aspettative su alcuni fronti, e troppo "avanti" su altri fronti rispetto alle odierne esigenze. E voi che ne pensate? Quali sono stati i fallimenti tecnologici che ritenete sia il caso di segnare per il 2016 appena andato in archivio?