Boris Becker, una carriera all'asta

12/06/2018 Notizie Aste
Boris Becker asta

L'ex numero 1 del tennis mondiale ha debiti per 60 milioni di euro: fino al 28 giugno trofei, racchette, abbigliamento e memorabilia del campione in vendita on line per ripianare il 'buco'

Si dice che i debiti totali ammontino a circa 61 milioni di euro (50 milioni di sterline). Quello che è certo è che l'ex numero 1 del tennis mondiale, il campione tedesco Boris Becker, nel 2017 è stato dichiarato fallito. Tutta colpa di matrimoni falliti (con conseguenti accordi pre-matrimoniali onerosi e da onorare) e di investimenti milionari rivelatisi ben poco redditizi, anzi. Sta di fatto che l'ex tennista, oggi commentatore sportivo, si trova al verde e con un maxi debito da saldare nei confronti della banca privata Arbuthnot Latham & Co. Per tentare di sfuggire ai guai economici, Becker ha quindi deciso di vendere all'asta trofei e ricordi della sua fulgida carriera. Tra i cimeli messi in vendita on line fino al 28 giugno dalla casa d'aste Wyles Hardy and Co c’è anche il trofeo Renshaw Cup che gli fu assegnato come più giovane vincitore di Wimbledon a soli 17 anni nel 1985. La coppa è valutata 8 mila sterline, ma si prevede che il costo salirà e non poco. In vendita (ma non in asta) c'è anche la villa a Maiorca del campione. E' valutata 9 milioni di sterline. Tra i trofei che invece chiunque potrebbe acquistare con l'offerta giusta c'è, invece, quello degli Us Open vinto nel 1989, mentre la coppa della Davis Cup  del 1988 vinta contro la Germania Ovest è già stata aggiudicata a 6.500 sterline. I fanatici di Becker troveranno tra l'altro oggetti da collezione di ogni genere: non solo trofei, ma anche orologi, racchette e fotografie che hanno accompagnato la sua carriera. Tra questi un paio di scarpe indossate nel 1996 sulla terra rossa del Roland Garros, ma anche la racchetta Puma utilizzata alle WCT Finals di Dallas del 1988 e addirittura un orologio Seiko appartenuto a Novak Djokovic, del quale Boris è stato a lungo coach.