854 mila euro per zaffiro Royal Blue in aste pietre preziose

02/01/2017 Notizie Aste
854 mila euro per zaffiro Royal Blue in aste pietre preziose

Qualche giorno fa si è conclusa la gara per l'aggiudicazione dello zaffiro Royal Blue, proveniente dal Kashmir: un'asta - quella della pietra preziosa battuta da Maison Bibelot - che si è conclusa con la notevole cifra di 854 mila euro di aggiudicazione, e con una gara particolarmente serrata tra una ventina di competitori presenti in sala, e una folta schiera di interessati al telefono.

L'asta Royal Blue

Dopo una base di 130 mila euro, rapida è stata l'impennata fino a 400 mila euro e, successivamente, graduale è stata la crescita fino agli 854 mila euro che sono stati offerti al telefono, da parte di un facoltoso e fortunato collezionista che è così entrato in proprietà di questa meravigliosa pietra, in grado di sprigionare dal suo taglio a cuscino una particolare pietra dalla luce blu.

La pietra

Proveniente dal Kashmir, montato ad anello in platino e contornato da diamanti step cut, il gioiello è stato in recente mostra anche in Italia, dove è stato ammirato il 18 e il 19 novembre scorsi a Milano, all'Hotel Dei Cavalieri.

La pietra - purissima - è di circa 10 carati e proviene dalle miniere di una zona himalayana dell'India. Non ha subito alcun trattamento di riscaldamento per poterne esaltare la tonalità, e la sua luce è pertanto naturale. Per quanto concerne la purezza, si tratta di una qualità molto rara per una pietra così satura e di tali dimensioni: le piccole inclusioni che la caratterizzano sono la conferma di tale qualità, e ne accrescono ulteriormente i valori.

La gemma è stata presentata in asta corredata da un certificato SSEF, con valutazione tra i 150 e i 200 mila euro.

Lo zaffiro

Lo zaffiro è una varietà di corindone dal colorito blu-azzurro: tale tonalità deriva dalle inclusioni di ematite e rutilo. Riscontrabile in natura in rocce metamorfiche che derivano da rifusione di un micascisto, di una quarzite o di un calcare, in magmi poveri di silice e nei rispettivi depositi alluvionali, sono diversi i giacimenti di ampie dimensioni nelle quali è possibile riscontrare ottime pietre con tali caratteristiche. Naturalmente, anche lo zaffiro può essere prodotto sinteticamente.

Tra le principali peculiarità dello zaffiro, una delle principali è quella della doppia rifrazione, tale per cui quando un raggio di luce penetra in tale pietra si scinde in due raggi, dando origine al fenomeno della birifrangenza. È per tale motivazione che qualsiasi oggetto osservato mediante il cristallo appare leggermente sdoppiato.

Per quanto infine riguarda lo zaffiro più conosciuto del mondo, il record spetta certamente allo zaffiro stellato conosciuto come Star of India, di ben 563,35 carati. Priva di impurità e di difetti, è dotata di stelle in entrambi i lati della pietra, ed è attualmente conservata nell'American Museum of Natural History di New York.

comments powered by Disqus