Fallimento

Il fallimento è una procedura concorsuale volta a soddisfare coattivamente le ragioni creditizie, nel rispetto della par condicio credito rum, liquidando le intere attività esistenti nel patrimonio dell’imprenditore insolvente.

Il fallimento si compone di due atti fondamentali: la sentenza che dichiara il fallimento e il decreto di chiusura del fallimento.

Perché il tribunale dichiari il fallimento, sono necessari due presupposti. Il presupposto soggettivo, ovvero la natura di imprenditore commerciale privato che sia in attività e non abbia cessato l’esercizio entro l’anno e la sussistenza dello stato di insolvenza come presupposto oggettivo.

Vedi anche...
Ultime news
Fallimento
Impugnazioni  L’opposizione allo stato passivo è disciplinata dall’art. 98 della Legge Fallimentare e può essere definita come il mezzo di gravame mediante il quale il creditore o il titolare di diritti su beni mobili o immobili contestano l’esclusione parziale o totale del credito insinuato.   L’opposizione, che deve essere avanzata nei... Continua a leggere
Fallimento
Interruzione del procedimento Come noto, secondo quanto previsto dall’art. 43, 3 comma della Legge Fallimentare, l’apertura del fallimento determina l’interruzione del processo.  Con la riforma della legge fallimentare intervenuta con il d.lgs. 5/2006, è stata modificata la disciplina relativa ai processi pendenti al momento della dichiarazione di... Continua a leggere
Fallimento
  Fondo di garanzia PMI Il Fondo di Garanzia, istituito con Legge 662/1996, è volto a sostenere le micro, piccole e medie imprese, rendendo agevole il loro accesso al credito.  Non si tratta però di un contributo in denaro, si tratta della concreta possibilità di ottenere finanziamenti senza chiedere garanzie aggiuntive, senza quindi richiedere... Continua a leggere
Fallimento
La desistenza del creditore prima della dichiarazione di fallimento  Il creditore che ha presentato istanza di fallimento nei confronti del proprio debitore può recedere dalla richiesta di fallimento, ad esempio nel caso in cui venga soddisfatto durante la fase del procedimento pre-fallimentare, presentando un atto di desistenza dal fallimento.  In questo caso, il... Continua a leggere
Fallimento
Notificazione del ricorso e del decreto all’imprenditore Con la riforma intervenuta con L. 221/2012, la notifica del ricorso e del decreto per la dichiarazione di fallimento deve avvenire nei termini e con le modalità indicate dall’art. 15, 3 comma L.F. il quale stabilisce tre metodi di notifica, il primo a cura della cancelleria e i successivi, a cura del ricorrente, da... Continua a leggere
Fallimento
Cosa si intende per insolvenza? Per dichiarare il fallimento di una impresa, la legge impone quale requisito necessario lo stato di insolvenza dell’imprenditore.  Vediamo nello specifico cosa si intende quando si cita questa determinata condizione.  Lo stato di insolvenza che, come detto costituisce presupposto oggettivo della dichiarazione di fallimento, è... Continua a leggere
Fallimento
Quando il proprietario dell'immobile è fallito L’aumento delle procedure concorsuali ha fatto sorgere in molti degli interrogativi relativi alle modalità di pagamento di varie imposte normalmente gravanti sull’immobile, ad esempio l’IMU e la TASI.  Ci si chiede, in questi casi, come e a chi spetta il relativo versamento nel caso in cui il... Continua a leggere
Fallimento
Quali imprese possono fallire? Non tutti gli imprenditori possono fallire. La legge fallimentare, all’art. 1, specifica quali sono le imprese soggette alle disposizioni sul fallimento e sul concordato preventivo sulla base di criteri qualitativi e quantitativi.  Come vedremo, la figura dell’imprenditore agricolo è esclusa dal fallimento a prescindere dalle... Continua a leggere
Fallimento
Il creditore del fallimento  Nel momento in cui viene dichiarato il fallimento di una società sorge il problema, per i creditori di quest’ultima, in merito alle modalità di recupero del credito dagli stessi vantato.  Unico modo per sperare di recuperare quanto spettante, è insinuarsi nello stato passivo del fallimento.  Qualsiasi creditore... Continua a leggere
Fallimento
Il Tribunale di Bari consente l’affitto con riscatto nelle aste fallimentari Il “rent to buy” può essere utilizzato anche nelle vendite fallimentari è quanto disposto con ordinanza del 3 maggio 2016 dal Tribunale di Bari.  Prima di entrare nello specifico di quanto statuito dal giudice pugliese, cerchiamo prima di capire in cosa consiste il... Continua a leggere