Mach2 addio: i libri nei supermercati non si vendono più

11/05/2018 Crisi aziendali
libri supermercati crisi liquidazione

Liquidata la società che era leader nella distribuzione dei libri in centri commerciali e autogrill: perdite continue dal 2015: i soci RCS, Mondadori e De Agostini hanno deciso di chiudere i battenti

I supermercati e la grande distribuzione in generale, il cosiddetto retail, sta soffrendo in maniera abnorme la concorrenza del mercato on line. Mentre il gruppo Cia-Conad cresce, un big della Gdo come Coop mostra conti in rosso. E se calano gli acquisti dentro iper e market, a farne le spese sono in primis i libri e le società che li distribuiscono ai maggiori player della distribuzione organizzata. Non è una novità che in Italia si legga sempre meno e che si legga sempre meno stringendo tra le mani un libro in carta e ossa (e qui ci mette lo zampino ancora una volta l'on line con i suoi e-book), ora però si compra ancora meno e in particolare stanno crollando gli acquisti di libri all'interno dei grandi centri commerciali e degli autogrill. Mach2, una delle due più grandi società italiane che si occupano di distribuire i libri nei supermercati è in liquidazione. Colpa della crisi delle vendite e del socio di minoranza, la RCS di Urbano Cairo, che ha deciso di non investire ancora in Mach2 per sanarne la situazione. Mondadori, socio di maggioranza relativa con il 44,91 per cento delle azioni, invece, a quanto pare, era favorevole ad alimentare nuovamente la società, mentre il gruppo De Agostini, altro importante socio di minoranza, ha tentennato. E così si è giunti alla liquidazione, una scelta che arriva al culmine di una crisi delle vendite nella gdo ormai decennale. Nel 2010 nei supermercati si vendeva il 16,3 per cento dei libri e per le case editrici era una fonte di ricavi importante, visto che a differenza di molte librerie, che fanno fatica a essere puntuali con i pagamenti, la gdo paga subito i libri che compra. Nel 2017 però la percentuale di vendite in supermercati e autogrill è scesa al 9,1 per cento, una quota minore di quella relativa alle librerie online. A causa di questa crisi, nel 2015 Mach2 ha perso 1,8 milioni di euro su un fatturato di 66 milioni, nel 2016 2,1 milioni su un fatturato di 54. Nel 2017 la situazione ha continuato a peggiorare: per questo è stata decisa la chiusura della società i cui costi di mantenimento erano diventati troppo alti per far fronte alle perdite.