Dopo la crisi, Benetton in cerca di una nuova primavera

22/02/2018 Crisi aziendali
Toscani Benetton moda crisi

Il fondatore dell'azienda di moda, Luciano Benetton, riparte dal sodalizio con il fotografo Oliviero Toscani, tra gli artefici del successo anni '80-'90

C'è aria di rilancio per United Colors of Benetton, la storica azienda di moda fondata nel lontano 1965 da Luciano Benetton insieme ai fratelli. Dopo averla fatta diventare un marchio inconfondibile, una vera e propria icona degli anni '80 e '90 dai fatturati multi-milionari, l'appeal dell'azienda veneta era lentamente scemato. Le nuove generazioni di manager cresciute in famiglia, infatti, avevano scommesso su altri business, facendo sì la fortuna della grande holding Benetton, ma lasciando nelle secche della crisi, con qualcosa come 80 milioni di perdite, lo storico ramo della maglieria. Per rilanciarlo ora è tornato in pista il grande vecchio Luciano insieme all'amico e fotografo Oliviero Toscani, uno dei protagonisti delle tante stagioni di successi del brand. E Benetton adesso riparte proprio dalle immagini di Toscani, riparte con una nuova collezione primaverile. Le creazioni e le foto raccontano e celebrano la diversità etnica e di genere. All'insegna, ovviamente, del motto: 'United colors of Benetton'. E il tocco del fotografo è anche nel titolo del catalogo: “Le rivoluzioni cominciano a primavera”. E indubbiamente, in casa Benetton, dopo la crisi c'è tanta voglia di rivoluzione.