L'Abc delle esecuzioni e delle aste immobiliari

22/03/2014 Asta Immobiliare

L’evento è stato realizzato dal Consiglio notarile di Parma e dall’Ufficio notarile associato della nostra città, a seguito della pubblicazione di un volume tascabile di consultazione sulle vendite all’asta, proveniente dalla collana “Le guide per il cittadino” del Consiglio nazionale del notariato. Sono molti i convegni sul tema. Il libro è stato scritto assieme alle associazioni di consumatori. Le aste immobiliari, attualmente stanno acquisendo grande importanza.

Il convegno è stato introdotto da Giorgio Chiari, presidente dell’Ordine notarile di Parma, e da Silvia Cavallari, giudice delle esecuzioni, la quale ha spiegato come funzionano le esecuzioni immobiliari. Ci sono stati i saluti del notaio Mattia Condemi, Mara Colla presidente di Confconsumatori e Michele Saldina responsabile Difesa del cittadino, sezione di Parma.

L’argomento dibattuto dai notai è stato l’acquisto delle case all’asta. Si è cercato di spiegare come un bene finisce all’asta, a che titolo opera il notaio, nominato dal giudice per effettuale le vendite. L’acquisizione di un bene all’asta può essere considerato un affare, sia perché è conveniente, sia per le garanzie sul bene, il quale è ripulito da qualsiasi gravame o ipoteca. Il prezzo può essere più basso di quello di mercato, e possono mancare i costi accessori. Le spese notarili sono a carico della procedura giudiziale. L’acquirente paga l’immobile e le tasse dovute allo Stato, risparmiando migliaia di euro.

C’è stato poi l’intervent

o di Paolo Folli, custode giudiziario, dell’Istituto vendite giudiziarie di Parma. Egli è la persona che si occupa dei beni all’asta dall’udienza di fissazione della vendita fino alla loro cessione ad un nuovo proprietario.

Quest’ultimo deve verificare la buona condizione degli immobili, occupandosi di riparare eventuali guasti; deve riscuotere gli affitti e gestire tutta la parte più visibile al pubblico: la pubblicità delle aste e le informazioni utili a chi può essere interessato all’acquisto. Successivamente all’aggiudicazione, si occuperà della liberazione degli immobili da eventuali inquilini, a spese della procedura.

C’è stata poi Gloria Ferrari dell’Ufficio notarile associato, che ha parlato di come si vendono gli immobili all’asta e di come si fissa il prezzo, con un perito nominato dal giudice, in accordo con i creditori, con ribassi significativi in caso di aste ripetute più volte.

Il notaio Beatrice Rizzolatti, ha chiarito alcuni temi. Alle aste si partecipa per procura, per mantenere l’anonimato: in genere partecipa un legale, che in tre giorni deve nominare l’intestatario dell’edificio acquistato, se se lo è aggiudicato.

Per quanto riguarda il mutuo, tutti gli istituti di credito sono disponibili a predisporre le carte per il mutuo consapevoli che sarà erogato solo se chi lo ha chiesto si riesce davvero ad aggiudicare l’immobile. Va bene chiedere il mutuo prima dell’asta, in quanto, dopo l’asta il tempi di pagamento è tassativamente di 90 giorni.

comments powered by Disqus